“Le dieci spettacolari vittorie olimpiche del 2014 sono il suggello, incredibile e quasi inaspettato, di quarant’anni di lavoro e celebrano i meriti della mia famiglia e della squadra che mi ha accompagnato fino a qui”.

Alessandro Dal Bello - AD Dalbello -

Sebbene Dalbello abbia iniziato a produrre scarponi da sci nel ’74, i fondatori Alessandro e Giovanna Dal Bello iniziarono la loro esperienza lavorativa negli anni 60 all’interno di Henke un’azienda Svizzera produttrice di scarponi da sci. Ritornati in Italia la giovane coppia continuò a produrre parti di calzatura per l’azienda elvetica ma, “sebbene fossimo contenti di essere tornati in Italia, e lavorassimo nel settore che più amavamo, ci sentivamo limitati nel dimostrare il nostro vero talento che non si limitava alla sola cucitura di componenti. Le nostre idee e la nostra creatività non venivano sfruttate ed eravamo consci che potevamo produrre scarponi da sci per noi e non per gli altri” racconta Alessandro Dal Bello presidente dell’azienda “fu così che nel marzo del 1974 il primo paio di scarponi da sci a marchio DALBELLO venne venduto in Austria”.

The 70s

Gli anni ’70 furono un decennio di incredibile, ed oggi nostalgica, evoluzione dello sci e del mondo della neve.

Il mercato si mostrava ricettivo a tutti i livelli (sci, attacchi, scarponi, abbigliamento, doposci). Questo diede la possibilità a Dalbello ed ai suoi progettisti di sperimentare, cambiare, osare. Le condizioni per innovare c’erano tutte: un mercato ricettivo, vitalità imprenditoriale, ed il definitivo trionfo della plastica sul vecchio scarpone da sci in cuoio.

1974: La plastica era ormai entrata fortemente nella produzione di moltissimi oggetti di uso quotidiano e trovava svariate applicazioni.

“Sapevo di dover acquistare macchinare molto costosi con cui lavorarla, ma non temevo gli investimenti ed ero aperto al nuovo”.

The 80s

Negli anni ’80 gli alti standard qualitativi e la calzata eccezionale degli scarponi da sci Dalbello, crebbero a livello internazionale.

I primi passi nel mondo delle gare agonistiche

Dal Bello affida a tre sciatori di fama internazionale il compito di promuovere il suo Marchio. Sono Steve Mc Kinney (al centro) che annovera tra le sue vittorie 2 record mondiali di velocità: nel 1977 (195 km/h e nel 1982 201 km/h), Simon & Busham che completarono il podio del 1982 a Cervinia.

The 90s

Fu però solo all’inizio degli anni ’90 che l’azienda iniziò a strutturarsi anche a livello commerciale fondando proprie filiali nei mercati più importanti quali Nord America, Germania ed Austria, e creando una rete omogenea di distributori in tutti gli altri paesi del mondo: dal Giappone, all’Australia al resto d’Europa.

“I nostri progettisti assieme ai direttori commerciali e ai venditori, partirono decisi a sviluppare un prodotto che si differenziasse dalla concorrenza per tecnologia, qualità dei materiali, comfort, leggerezza e facilità di calzata”.

Il 1997 vide l’arrivo della serie CARVEX, che rappresentò, in quell’anno, il primo e l’unico scarpone disponibile sul mercato dedicato ad un utilizzo carving.

Grazie ad una approfondita ricerca realizzata in collaborazione tra i modellisti ed i testers della Dal Bello, fu possibile per l’azienda sviluppare uno scarpone che soddisfacesse ai requisiti principali della nuova pratica del carving: una flessione progressiva abbinata ad un importante supporto laterale.

The 00s

Il nuovo millennio si apre con una generazione di sciatori che ben si integra con uno stile di vita “freeride”.

Tutte le vecchie regole vengono infrante e nasce il Rider Development Project, frutto dell’ingegno della leggenda del freeski Glen Plake. Questo progetto, che affianca sciatori professionisti agli ingegneri R&D Dalbello , ha il solo obbiettivo di creare il migliore scarpone da sci al mondo. I modelli RDP, nati grazie a questo progetto atto inizialmente ad apportare innovazioni, modificando le tradizionali regole che impongono un certo stile e una certa costruzione allo scarpone, sono davvero unici nel proprio genere, tecnologicamente all’avanguardia ed innovativi. Negli anni, il team è cresciuto includendo Tanner Hall, leggenda del freestyle e vincitore di molti X-Games, le medaglie Olimpiche Nick Goepper e Kevin Rolland, plus Russ Henshaw, McRae Williams e molti altri.

“È molto stimolante lavorare con un’azienda in continua crescita come Dal Bello: ho seguito il suo successo nel corso degli ultimi anni e sono stato veramente impressionato dall’alto livello tecnico raggiunto dai suoi scarponi da sci”.

Glen Plake

Negli anni Alessandro Dal Bello ha fatto crescere l’azienda investendo continuamente in nuove tecnologie e sollecitando il personale a riversare la propria creatività in prodotti innovativi e a “misura d’uomo”.

“L’anno 2014 ha segnato un risultato speciale nella storia Dalbello” ci spiega Alessandro Dal Bello “Quest’anno abbiamo raggiunto quota 13.000.000 paia prodotte. E siccome la soddisfazione dei consumatori di nostri prodotti è il fattore chiave con cui misuriamo il nostro successo, ci sfidiamo a portare sempre i migliori prodotti sul mercato. Il tutto si riflette sull’ampia gamma di premi di cui Dal Bello è insignito ogni anno”.

“Quarant’anni di scarpe da sci Dal Bello: il futuro che vedo per la mia azienda è ricco di sfide e di nuovi successi”.

Alessandro Dal Bello - AD Dalbello -

7640 Book

torna su
twitter logo

@DalbelloSkiBoot

Awesome days at Oakley HQ for Dalbello team skiers @seanpettit and @ABMskier http://t.co/H7oHQc0CBv

facebook logo

Clicca      sulla pagina ufficiale di DalbelloSkiBoot

Iscriviti alla newsletter di Dalbello

Cambia lingua

IT EN DE FR

Cambia area di mercato

country flag US    EMEA country flag